MagicGol è l'app per fantallenatori che tutti aspettavano.
Schierarli o non schierarli? 4 attaccanti improbabili per la 35esima giornata: dal golden boy polacco a due eterne promesse del calcio italiano, fino ad arrivare al nuovo che avanza.

DAWID KOWNACKI

In casa Sampdoria Zapata sarà assente per un problema muscolare, mentre Caprari è in dubbio. Il partner di Quagliarella, quindi, potrebbe essere con ogni probabilità questo polacco classe 1997. I blucerchiati giocano contro il Cagliari a Marassi per questa 35esima giornata: non una difesa imperforabile, quindi, ed attenzione a Kownacki che sa il fatto suo, avendo segnato 3 gol in 18 presenze di cui solo due da titolare, con una media di un gol ogni 171 minuti.

ALBERTO PALOSCHI

Con Antenucci non al meglio ed in ballottaggio assieme a Floccari, l'unico certo di avere un posto negli undici spallini domenica è Alberto Paloschi. Fin qui non ha avuto una stagione molto prolifica: solo 6 gol all'attivo, l'ultimo dei quali però molto pesante, perché è valso i tre punti nella trasferta di Crotone del 25 febbraio. E siccome domenica c'è un altro scontro diretto con il Verona, chissà che non arrivi un altra marcatura fondamentale per la salvezza della Spal..

DOMENICO BERARDI

E' vero, Mimmo è croce e delizia al fantacalcio (più croce in questi ultimi anni). Non è più quel giocatore capace di segnare 31 gol nelle prime due stagioni in Serie A, ma una "fiche" 🎰  vogliamo puntarla su di lui nella partita di Crotone. Una vittoria significherebbe salvezza matematica, e quale migliore occasione per Berardi per riconquistare un posto nei cuori dei suoi tifosi? Scommessa molto azzardata, ma è un rischio che tutto sommato ci piace.

MUSA BARROW

Questo ennesimo diamante uscito dalla cantera dell'Atalanta si è conquistato il posto da titolare a suon di prestazioni e di gol, tant'è che a Benevento quindici giorni fa è arrivata la prima marcatura nella massima serie. E domenica, contro il Genoa, Barrow dovrebbe di nuovo essere titolare a discapito dei più quotati Petagna e Cornelius. D'altronde, come fai a lasciare fuori un ragazzino con la media voto di 6,88?