MagicGol è l'app per fantallenatori che tutti aspettavano.
Sono trascorse ormai ben 14 giornate, siamo a ridosso del Natale ed il campionato vivrà nel mese di dicembre degli snodi cruciali. In tutto questo, ci sono alcuni giocatori per i quali tantissimi fantallenatori hanno fatto carte false ad agosto per aggiudicarseli, forti delle ottime stagioni passate. Una volta cominciato il campionato, però, la loro forza sembra essere svanita. Niente bonus, voti insufficienti, prestazioni deludenti e stagioni fantacalcistiche rovinate. Se ne avete almeno un paio di questi, beh, avete tutto il diritto di essere delusi.

Milinkovic-Savic, 160 milioni a chi?

Ben 160 milioni di euro. Tanto era arrivato ad offrire il Milan in estate per aggiudicarsi il serbo, classe 1995 e reduce da una stagione incredibile con la Lazio. 12 gol, 4 assist e una straordinaria fantamedia di 7,87 lo avevano reso uno dei top player, un must da non mancare assolutamente quest'anno. A dir la verità, il Mondiale russo aveva lasciato in eredità un Milinkovic un po' sottotono, magari anche distratto dalle tantissime voci di mercato. E quest'anno? I fantadati sono eloquenti, ma in negativo. Un solo gol segnato ed un solo assist, per giunta concentrati nella stessa partita del 23 settembre contro il Genoa. Poi, solo 3 ammonizioni ed una fantamedia di 5,76 con sole quattro sufficienze. La Lazio ha bisogno dei suoi gol per non perdere il treno Champions, tornerà il vero Milinkovic?

AAA cercasi Luis Alberto

Un'altra pedina che lo scorso anno ha brillato in casa Lazio e che invece quest'anno sembra essersi smarrita è Luis Alberto. Lo spagnolo, arrivato in punta di piedi a Formello, grazie a prestazioni sfavillanti si era guadagnato il posto fisso l'anno scorso e chiuse la stagione con statistiche da top player: 33 partite coronate da 11 gol e addirittura 13 assist, con 7,96 di fantamedia. Fu il top del top a centrocampo, mentre quest'anno sembra aver sofferto lo spostamento tra gli attaccanti. I suoi numeri in questa stagione fanno rabbrividire se confrontati con quelli dello scorso anno: 1 solo gol in 9 apparizioni (il 2 settembre contro il Frosinone), 5,77 di fantamedia e quattro partite passate in panchina senza entrare nelle ultime sette. La domanda ora è una sola: la stagione passata è stata solo una luce sporadica? Chi lo ha acquistato ad agosto spera tanto che non sia così, ma la concorrenza è agguerrita e Correa sta facendo grandi cose al suo posto...

Perisic, Ivan il non terribile

Che il croato fosse abbastanza imprevedibile e anche alquanto discontinuo era risaputo, ma dopo la scorsa stagione e l'ultimo Mondiale giocato alla grande tanti fantallenatori ad agosto hanno pensato: "ok, questo è l'anno di Ivan". Pensiero sbagliato, almeno per il momento. Già, perchè in 13 partite fin qui sono arrivati solo 2 gol e 2 assist. Se poi andiamo ad analizzare a fondo, vediamo che le due reti sono state messe a segno alla seconda e alla terza giornata, quindi il digiuno di Perisic dura ormai da tre mesi. Prestazioni altalenanti, ed inoltre Keita e Politano, suoi alter ego nel ruolo, stanno spingendo molto per prendersi il posto a suon di gol ed assist. Tornerà il giocatore capace di sfornare 11 reti e 8 assist come accaduto nella passata stagione? O sarà ancora più distratto dalle sirene di mercato?

Cholito, Cholito, dove sei finito?

Sembra passata una vita dal 29 aprile, quando Simeone infilò una tripletta al Napoli e di fatto consegnò lo scudetto alla Juventus. In casa Fiorentina gongolavano, perchè il figlio del Cholo, reduce dai 12 gol dell'annata al Genoa, raggiunse quota 14 con la Viola. Un attaccante ottimo anche per il fantacalcio, un giocatore quasi imprescindibile per tantissimi fantallenatori. Purtroppo quest'anno però le cose sembrano non andare per il verso giusto. Eppure il Cholito era partito bene, segnando all'esordio col Chievo e poi ripetendosi qualche settimana dopo nel recupero contro la Samp. Era il 19 settembre. Da quel giorno, 10 partite senza segnare ed una serie di voti insufficienti che lo hanno portato in un momento di crisi dal quale sembra non riuscire ad uscirne. Riuscirà Pioli a rigenerare un attaccante che aveva fatto vedere grandi cose nei primi due anni in Italia segnando 26 gol?

Dzeko, ma che mi combini?

Quella di Edin Dzeko alla Roma è una storia particolare. Arrivato nella capitale nell'estate del 2015, fu presentato come un bomber di razza, ma nella prima stagione segnò appena 8 reti e fece alcuni errori sotto porta incredibili. La stagione successiva, però, fu protagonista di un clamoroso exploit che lo portò a segnare qualcosa come 29 gol. L'anno scorso rimase su buoni livelli, mettendo a segno 15 reti. In questa stagione ci si aspettava che continuasse su questo trend, ed invece qualcosa sembra essersi rotto di nuovo. Fin qui il suo score parla di 2 gol e 2 assist in 12 partite, con una fantamedia di 6 ma anche con ben sette insufficienze. L'eurogol all'esordio col Torino aveva illuso tutti, l'altro squillo ad Empoli di inizio ottobre rimane l'ultimo ed ora ci si è messo di mezzo anche un infortunio. Considerando che Schick sta facendo di tutto per farlo rimpiangere, Dzeko dovrà tornare quanto prima su buoni livelli per dimostrare che non è il Mr.Hyde della prima stagione, ma il Dr.Jekyll ammirato fino allo scorso anno.   Ecco la nostra flop 11 dei top player che fin qui hanno deluso. Chi di loro riuscirà a riprendersi? PORTIERE: Donnarumma (18 gol subiti, fantamedia 4,69) DIFENSORI: Marusic (nessun bonus, 2 ammonizioni, fantamedia 5,66); Masiello (nessun bonus, 1 autogol, fantamedia 5,35); Albiol (nessun bonus, 2 ammonizioni, fantamedia 5,65). CENTROCAMPISTI: Douglas Costa (nessun bonus, 1 espulsione, fantamedia 5,50); Milinkovic (1 gol, 1 assist, 3 ammonizioni, fantamedia 5,79); Hamsik (nessun bonus, fantamedia 5,75); Calhanoglu (1 assist, 1 ammonizione, fantamedia 5,75). ATTACCANTI: Luis Alberto (1 gol, 2 ammonizioni, fantamedia 5,77); Dzeko (2 gol, 1 assist, 3 ammonizioni, fantamedia 6,00); Simeone (2 gol, 1 assist, fantamedia 5,80).