MagicGol è l'app per fantallenatori che tutti aspettavano.
Il campionato è fermo e tornerà solo il 19 gennaio? Niente paura, perchè dal 3 gennaio è cominciato il calciomercato invernale. Sino al 31 di questo mese, le 20 squadre di Serie A potranno ritoccare le loro rose per cercare di migliorare quanto fatto in questa prima parte di stagione. Noi di MagicGol ovviamente seguiremo in chiave fantacalcistica l'evoluzione delle trattative, ed ogni giorno aggiorneremo questo articolo con tutti i nuovi acquisti divisi per ruolo. Per ognuno di loro, vi diremo se può fare al caso vostro nella vostra rosa. Inoltre, in fondo trovate anche i giocatori più importanti che hanno lasciato la Serie A in questa finestra di mercato. Ultimo aggiornamento: 30 gennaio

PORTIERI

Emiliano Viviano: Dopo aver trascorso sei mesi tutt'altro che positivi allo Sporting Lisbona, il 33enne ex Sampdoria ha deciso di tornare in Italia. Sarà la Spal la sua nuova casa, e con i ferraresi sarà quasi certamente titolare, data la sua esperienza. Viviano ha dato diverse soddisfazioni negli anni scorsi, parando anche molti rigori, ma arriva in una squadra che non ha una difesa ermetica. Potete puntarci, ma solo se avete un altro primo portiere di una squadra medio-alta. Jandrei: questo portiere brasiliano di 25 anni è il nuovo rinforzo del Genoa. Arriva dalla Chapecoense, dove ha giocato 76 partite consecutive negli ultimi due anni, mettendosi in mostra come uno dei migliori numeri uno del Brasilerao. Avrà il posto fisso con Prandelli? Difficile dirlo, anche perchè i genoani puntano a valorizzare Radu (classe '97) che sta crescendo notevolmente. Quindi, il nostro consiglio è quello di non puntarci troppo e di prenderlo solo in coppia con Radu. Bartlomiej Dragowski: il giovane portiere polacco non è più il secondo di Lafont a Firenze. La società viola, infatti, lo ha ceduto in prestito all'Empoli, dove si giocherà una maglia da titolare con Provedel. In questo primo scorcio di stagione ha giocato 3 partite dimostrando buone qualità, ed ora avrà la possibilità di giocarsi un posto da titolare. Se lo avete al fantacalcio potete anche pensare di tenerlo, perchè in alcune sfide (soprattutto quelle interne dell'Empoli contro squadre di media-bassa classifica) potrebbe far comodo. Pietro Terracciano: percorso inverso rispetto a quello di Dragowski per Terracciano, che lascia l'Empoli ed approda alla Fiorentina. Con gli azzurri ha giocato praticamente metà delle partite del girone d'andata (8) ed ha una apprezzabile media voto di 6,31. A Firenze, ovviamente, sarà il secondo di Lafont. Quindi, se lo avevate preso ad inizio stagione, svincolatelo perchè a meno di cataclismi il campo non lo vedrà mai.

DIFENSORI

Marvin Zeegelaar: il nome nuovo per la fascia sinistra dell'Udinese è quello di questo olandese che arriva dal Watford assieme ad Okaka. E' un mancino dotato di buona velocità nonostante la stazza (186 cm) ma che non ha avuto una carriera sfavillante, se si esclude un anno da titolare allo Sporting Lisbona. Al fantacalcio è un po' una incognita, nel senso che il suo adattamento al calcio italiano è tutto da verificare. Nelle ultime uscite, il mister dei friulani ha fatto giocare (con discreti risultati) D'Alessandro sulla fascia e Zeegelaar dovrà giocarsi il posto con lui. Un consiglio? Puntate su altri giocatori e non rischiate troppo con lui. Giuseppe Pezzella: il terzino classe 1997 ha lasciato l'Udinese per approdare al Genoa. Arrivato in Friuli nell'estate 2017, ha giocato col contagocce sia nella scorsa stagione che in questa, dove ha totalizzato solamente 4 presenze. Proverà a rilanciarsi con Prandelli, ma non è detto che sia titolare fisso data la concorrenza. Al fantacalcio, potete prenderlo ma solo come ottavo difensore, dato che non è un profilo molto attraente dal punto di vista dei bonus. Stefan Simic: dopo sei mesi passati in panchina al Milan, il difensore croato classe 1995 approda al Frosinone per giocarsi le sue carte. La difesa ciociara è apparsa in difficoltà nelle ultime uscite, quindi Simic potrebbe anche collezionare qualche gettone da titolare. Al fantacalcio, comunque, guardate altrove e non spendete milioni per lui. Cedric: il neo-terzino dell'Inter arriva dalla Premier League, precisamente dal Southampton. E' un giocatore dinamico, non molto fisico ma con una buona tecnica di base. In Nazionale è stato preferito a Cancelo e può essere una buona opzione in più per Spalletti. Al fantacalcio potrebbe rivelarsi una buona pedina, ma non sarà titolare fisso data la concorrenza di D'Ambrosio e Vrsaliko. Perciò potete prenderlo, ma solo in coppia con uno dei due, preferibilmente l'italiano dato che il croato è tormentato da problemi fisici. Sebastian De Maio: dopo essere finito ai margini con il Bologna, il roccioso difensore francese passa in prestito all'Udinese. Soltanto sei partite con Pippo Inzaghi in questa prima parte di stagione e la sensazione di non essere più un elemento centrale. Ad Udine troverà tanta concorrenza e quindi non è detto che riesca a conquistare una casella negli undici di partenza. Al fantacalcio non rischiate e non puntate su di lui. Ibanez: colpo a sorpresa dell'Atalanta, che si aggiudica questo talentuoso difensore classe 1998 dalla Fluminense. Fino a 16 anni giocava in campionati amatoriali, poi la rapida ascesa sino a diventare un punto di forza della squadra brasiliana. I bergamaschi hanno bruciato la concorrenza pagandolo 4 milioni, assicurandosi in pratica il sostituto di Mancini probabile partente a giugno. Per questi mesi al fantacalcio non puntateci, dovrebbero servirgli per assimilare le idee di Gasperini. Martin Caceres: a sorpresa l'erede di Benatia è il difensore uruguaiano che lascia la Lazio. Caceres conosce bene l'ambiente Juve ed è molto duttile, potendo giocare sia in una difesa a 3 che a 4. Nelle gerarchie parte dietro a Bonucci, Chiellini e Rugani ma con il turnover non è escluso che possa ritagliarsi il suo spazio. Se già lo avevate in rosa, potete pensare di tenerlo ma solo se avete titolari fissi. Ezequiel Schelotto: l'esterno italo-argentino aveva lasciato l'Italia nel 2015 ed il Chievo era stata la sua ultima squadra. Ora torna nel nostro paese e si rimette la maglia dei clivensi. In questa stagione non ha mai giocato con la maglia del Brighton e quindi la condizione fisica è tutta da testare. Se proprio volete acquistarlo, prendetelo come ottavo slot. Altrimenti, guardatevi intorno.

CENTROCAMPISTI

Lucas Paquetà: considerato da tutti il nuovo crack del calcio brasiliano ed accostato più volte a Kakà, l'ex Flamengo ha caratteristiche diverse rispetto al vecchio 22 del Milan. Gattuso sembra intenzionato a schierarlo da mezzala sinistra nel 4-3-3, oppure da esterno nel 4-4-2, ma di solito Ringhio tende ad inserire gradualmente i nuovi arrivati. Paquetà è molto giovane (classe 1997) e dovrà adattarsi ad un calcio completamente differente da quello sudamericano. Per questo noi ci sentiamo di considerarlo una scommessa e preferiamo andarci un po' cauti. Potrebbe essere un buon centrocampista da sesto-settimo slot, considerata anche la sua titolarità tutta da provare. Roberto Soriano: l'ex centrocampista del Villareal era tornato in Italia quest'estate accasandosi al Torino proprio al fotofinish del mercato, ma in questa prima parte di stagione non ha lasciato il segno: 11 partite, di cui solo 6 da titolare, con una magic media di 5,71. Mazzarri lo ha praticamente bocciato, e così Soriano ha deciso di accasarsi al Bologna, squadra in piena lotta salvezza. Se lo avevate in rosa e stavate pensando di svincolarlo, a questo punto potete anche tenerlo. Non dimentichiamoci che con la maglia della Samp segnò 18 gol in tre stagioni. Qualche gioia può regalarla anche in maglia rossoblu. Valter Birsa: dopo quattro stagioni e mezzo dense di gol ed assist al Chievo, lo sloveno saluta la truppa clivense e si accasa al Cagliari. Maran, che lo ha avuto proprio a Verona, cercava un uomo che potesse prendere il posto dell'infortunato Castro. Birsa al fantacalcio è stato un must in questi anni, grazie anche ai suoi bonus da calcio piazzato. In questa prima parte di stagione non ha brillato (solo 2 gol e 2 assist), ma a Cagliari può far bene da trequartista nel 4-3-1-2 che è il modulo a lui più consono. Quindi, se lo avete in rosa potete pensare di rilanciarlo, mentre se non lo avete e vi serve un buon centrocampista da quinto-sesto slot potete prenderlo! Luca Valzania: il giovane centrocampista classe 1996 è passato in prestito dall'Atalanta al Frosinone per trovare un po' di posto da titolare. In questi mesi, infatti, ha giocato solo 73 minuti con Gasperini, mentre in terra ciociara troverà meno concorrenza e potrà mettere in mostra le sue doti. Non è un profilo molto interessante al fantacalcio, anche se lo scorso anno in B a Pescara ha messo a segno 5 reti. Non puntateci troppo comunque, potrebbe servirvi come ottavo centrocampista ma nulla di più. Juraj Kucka: L'ex milanista era finito al Trabzonspor nell'estate 2017, ma dopo un anno e mezzo ha deciso di tornare in Italia e sarà il rinforzo a centrocampo del Parma. E' un giocatore esperto, un centrocampista molto fisico propenso ai cartellini ma anche agli inserimenti in area ed ai tiri da fuori. Nei suoi sette anni tra Genoa e Milan ha segnato 13 gol ed è un giocatore che piace perchè dà sempre tutto senza risparmiarsi. Al fantacalcio può essere un buon colpo intorno al sesto slot. Se prendesse qualche giallo (e anche qualche rosso) in meno sarebbe un colpo importante. Che sia maturato con l'età? Christian Oliva: colpo a sorpresa del Cagliari, che si è aggiudicato le prestazioni di questo centrocampista uruguaiano classe 1996 dal Nacional Montevideo. Oliva ha fatto il suo esordio in prima squadra neanche un anno fa, ma in poco tempo è diventato un punto fermo del Nacional ed il Cagliari lo ha pagato ben 5 milioni di euro.E' una mezzala poco propensa alla fase offensiva, ma tecnicamente apprezzabile. Probabilmente in questi primi mesi cercherà di capire bene i meccanismi del calcio italiano per poi rilevare Barella dalla prossima stagione. Al fantacalcio non sembra un nome su cui puntare, ma se avete uno slot libero e cercate una scommessa, beh questo nome può fare al caso vostro. Federico Viviani: lo scorso anno era un punto fermo nella Spal, mentre quest'anno non ha giocato nemmeno un minuto. Ecco perchè ha cambiato aria, spostandosi più a sud, precisamente a Frosinone. Viviani è un buon centrocampista, probabilmente sarà titolare ed è pericoloso sui calci piazzati. Potrebbe rivelarsi una buona scommessa, ma solo come settimo-ottavo slot nel vostro centrocampo. Alessandro Deiola: il centrocampista torna al Cagliari dopo il prestito semestrale al Parma per rimpiazzare il partente Dessena. In Emilia ha giocato 10 partite, equamente distribuite tra titolare e partendo dalla panchina. Un 5,87 di fantamedia che ci fa capire come non sia un elemento su cui puntare al fantacalcio. Stefano Sturaro: dopo sei mesi da desaparecido con lo Sporting Lisbona, Sturaro torna in Italia con il Genoa, la squadra che lo lanciò nel grande calcio nel 2013. Con il Grifone, e poi con la Juventus, Sturaro si è contraddistinto per la sua grande grinta e per la sua adattabilità a giocare in più ruoli. In chiave fantacalcio resta un giocatore poco appetibile, in quanto soggetto a cartellini, ed inoltre viene da un infortunio e non gioca da tanto tempo. Possibile acquisto solo come ottavo slot. Ivan Radovanovic: dopo 5 anni e 160 partite in Serie A, il serbo lascia il Chievo e va al Genoa. Al fantacalcio è uno di quei giocatori poco appariscenti (due gol in sei stagioni) ma anche un titolare fisso che non ti lascia mai in dieci. Sarà così anche a Genova? Probabilmente potrebbe essere titolare anche con Prandelli, ma il suo appeal non è più quello di una volta. Ottavo slot e nulla di più. Lukas Lerager: l'ennesimo arrivo del mercato invernale del Genoa è questo centrocampista danese in forza al Bordeaux. E' un mediano dedito più alla fase difensiva e dovrà giocarsi il posto con Sturaro, Radovanovic e Veloso. Una scommessa, valida solo come ottavo slot del vostro centrocampo. Assane Dioussè: il mediano senegalese cresciuto nell'Empoli torna in Italia, precisamente al Chievo, dopo una stagione e mezza nel Saint-Etienne. In terra toscana si rivelò come uno dei giovani più promettenti collezionando due anni in Serie A da protagonista. Con i clivensi può fare bene, è un buon giocatore ma non porta bonus: in tutta la sua carriera fin qui ha segnato solo un gol.. non un profilo da fantacalcio insomma.

ATTACCANTI

Luis Muriel: colpaccio della Fiorentina, che riporta in Italia un grande talento transitato da Lecce, Udinese e Sampdoria. Dopo un anno e mezzo con alti e bassi al Siviglia, il colombiano torna nel nostro paese con tanta voglia di fare bene e di spaccare il mondo. Al fantacalcio può essere davvero una pedina preziosa, perchè è un calciatore che, se in fiducia, può stare tranquillamente tra i top. Puntateci anche come secondo-terzo slot, perchè dovrebbe essere titolare sin da subito! Nicola Sansone: insieme a Soriano, il Bologna ha preso in prestito un altro italiano dal Villareal. Si tratta di Nicola Sansone, che si era trasferito in Spagna nell'agosto 2016 dopo tre stagioni al Sassuolo. La sua avventura col sottomarino giallo era andata bene inizialmente, poi quest'anno Sansone ha visto molto poco il campo ed ha deciso di rilanciarsi nel suo paese. In ottica fantacalcio può essere un buon attaccante da quarto-quinto slot: sarà titolare quasi certamente ma non è un bomber ed il Bologna è una squadra che fa molta fatica a segnare. Stefano Okaka: Dopo 3 anni e mezzo passati tra Anderlecht e Watford, l'attaccante di Castiglione del Lago torna in Italia. L'Udinese sarà la sua ottava maglia diversa tra quelle indossate nel nostro paese, ed Okaka dovrà cercare di rilanciarsi in Friuli dopo un periodo molto difficile in Inghilterra, dove ha messo a segno solo 5 gol in due anni e mezzo. A Udine dovrà giocarsi il posto con Pussetto e Lasagna, e per il momento parte dietro nelle gerarchie. Non puntateci troppo al fantacalcio, anche perchè Okaka non è un bomber da doppia cifra ed anche perchè rischia di sedersi spesso in panchina. Manolo Gabbiadini: il figliol prodigo alla fine torna alla casa madre. Dopo aver lasciato la Sampdoria nel gennaio 2015 direzione Napoli, Gabbiadini dal 2017 era in forza al Southampton. Negli ultimi mesi era comunque finito ai margini, ha spinto per tornare in Italia ed i doriani lo hanno riaccolto a braccia aperte. Al fantacalcio può essere una tentazione niente male: il suo score in Serie A parla di 32 gol in 118 partite tra Atalanta, Bologna, Sampdoria e Napoli. Non è un bomber di razza, ma accanto a Quagliarella può essere un elemento da tenere sott'occhio. Può essere acquistato come quarto slot, e se i blucerchiati manterranno il loro ruolino di marcia può essere una delle rivelazioni del girone di ritorno. Krzysztof Piatek: il vero grande colpo a sorpresa del mercato invernale. Il pistolero Piatek, dopo aver stupito tutti a Genoa con 13 reti nel girone d'andata, passa al Milan e raccoglie l'eredità di Higuain. La vera domanda ora è: riuscirà a mantenersi su altissimi livelli anche con i rossoneri? Probabilmente il polacco non segnerà altrettanti gol, anche perchè la concorrenza con Cutrone potrebbe spingerlo in panchina di tanto in tanto. Al fantacalcio potete e dovete tenerlo, ma se vi proponessero uno scambio con un'altra punta di fascia medio-alta, fateci un pensierino. Marcello Trotta: dopo sei mesi trascorsi senza praticamente mai giocare al Sassuolo, Trotta si è accasato al Frosinone. L'attaccante, con un trascorso addirittura nel Manchester City, l'anno scorso mise a segno 7 gol col Crotone, che però non valsero la salvezza ai pitagorici. In terra ciociara si contenderà il posto con Ciofani e Pinamonti e potrebbe anche ritagliarsi il suo spazio. Ma al fantacalcio non ci sembra un profilo sul quale puntare.  Antonio Sanabria: per raccogliere l'eredità di Piatek, il Genoa ha puntato sull'ex Betis. E' un classe '96, giovane ma già scafato. Non è un bomber da 20 gol a stagione, ma tra Gijon e Betis ne ha segnati 30 in poco più di 3 anni. Conosce già il nostro campionato, poichè la Roma lo prese 18enne dal Barcellona. Attenzione perchè potrebbe essere la super scommessa di questo mercato e probabilmente sarà da subito titolare assieme a Kouamè: quarto-quinto slot va bene per Tony. Gianluca Scamacca: con la partenza di Boateng, il Sassuolo ha deciso di riportare alla base il talentuoso attaccante classe 1999, che nei primi sei mesi della stagione militava nel Pec Zwolle in Olanda. E' uno dei punti fermi delle nazionali giovanili italiane, ma ancora in prima squadra deve mostrare tutto il suo talento. Nelle gerarchie parte dietro a Babacar e dovrà conquistarsi il posto. Per questo, non ce la sentiamo di puntare su di lui al fantacalcio.

Giocatori che hanno lasciato la Serie A

Emiliano Rigoni: l'argentino era arrivato praticamente a fine mercato alla corte di Gasperini e della sua Atalanta. Al suo esordio, il 27 agosto, segnò subito una doppietta all'Olimpico con la Roma e tutti si svenarono per prenderlo al fantacalcio. Poi, complice il rientro di Ilicic, gli spazi si sono ridotti e, al termine del girone d'andata, è stato rispedito in Russia. Una meteora che ha ben brillato fin troppo poco. Daniele Dessena: dopo 8 anni ha lasciato il Cagliari l'ex capitano Dessena, sceso in B con il Brescia. Negli anni indietro è stato un buon giocatore al fantacalcio, il classico titolare fisso che non ti lasciava mai in dieci, ma quest'anno per lui gli spazi si erano ridotti ed ha così deciso di cambiare aria. Simone Scuffet: una parabola discendente incredibile quella del portiere friulano, che nel 2015 addirittura rifiutò l'Atletico Madrid e che, ora, andrà a giocare con i turchi del Kasimpasa. E dire che quest'anno sembrava la stagione del riscatto per lui, dato che Velazquez lo vedeva come titolare davanti al neo-arrivato Musso. Alcune buone prestazioni, poi l'argentino lo ha scavalcato nelle gerarchie ed anche con Davide Nicola le cose non sono cambiate. Morale della favola, l'ex enfant prodige ora dovrà ricominciare da zero in terra turca. Nicolas Spolli: il centralone difensivo argentino lascia il Genoa e scende in cadetteria al Crotone. Sono lontani i tempi in cui Spolli era un acquisto azzeccato al fantacalcio: dal 2009 al 2014, con la maglia del Catania, fu uno dei low cost più apprezzati nel listone Gazzetta. Poi, dopo una piccola parentesi in maglia Roma, Spolli si è perso tra Carpi, Chievo e Genoa, dove in questa prima parte di stagione ha giocato 7 partite facendosi anche un autogol. Emil Hallfredsson: dopo 6 mesi praticamente da comparsa al Frosinone, l'islandese lascia la ciociaria e rescinde il contratto. Tranne una parentesi al Barnsley nel 2009-10, Hallfredsson giocava in Italia dal 2007, quando venne acquistato dalla Reggina. Poi, tra Verona ed Udinese, si era fatto notare per essere il classico giocatore low cost che però è sempre titolare. A Frosinone ha giocato solo 6 partite, l'ultima addirittura il 5 ottobre, poi complice anche un infortunio è rimasto ai margini ed ora ha rescisso il contratto. Ci mancherai guerriero islandese! Kevin-Prince Boateng: incredibile ma vero, il Boa dopo soli 6 mesi ha lasciato Sassuolo ed è approdato al Barcellona. Sembrava una trattativa stile Football Manager, ed invece è tutto reale. Boateng lascia un vuoto in tutti i fantallenatori che avevano scommesso sul suo ritorno in Italia: in 13 partite ha segnato 4 gol e fornito anche un assist, con una delle fanta-medie più altre tra i centrocampisti (7,33): tra coloro che hanno giocato almeno la metà delle partite, meglio di lui hanno fatto solo Duncan e Fabian Ruiz. Una perdita importante arrivata come un fulmine a ciel sereno: Boa, ma perchè c'hai fatto questo? Lorenzo Crisetig: il mediano, che era a Frosinone in prestito dal Bologna, scende in Serie B con il Benevento. Ad inizio stagione sembrava che potesse essere un titolare con la formazione ciociara, ma nella realtà dei fatti non ha mai convinto: 8 partite, 3 ammonizioni, zero bonus. Gonzalo Higuain: chi l'avrebbe mai detto che dopo sei mesi al Milan Higuain se ne sarebbe andato direzione Chelsea? L'argentino ha vissuto tra luci ed ombre in rossonero e non vedeva l'ora di riabbracciare il suo mentore Sarri. Al fantacalcio, comunque, rimane una grande perdita, e sarà ricordato con piacere da tutti coloro che c'hanno puntato: 117 gol in 5 anni e mezzo non si dimenticano facilmente. Hasta luego Pipita! Amato Ciciretti: grande flop e delusione per i fantallenatori che avevano puntato su di lui al Parma. E' un giocatore molto tecnico, ma anche discontinuo, e complice anche l'esplosione di Gervinho e Inglese non ha trovato molto spazio, giocando solo 6 partite di cui una titolare. Scende di nuovo in cadetteria, all'Ascoli, per provare a rilanciarsi di nuovo. Antonio Di Gaudio: ecco un altro esubero dal Parma che approda in B, all'Hellas Verona. Di Gaudio si mise in mostra a Carpi: titolare fisso, costo basso, buoni voti e qualche bonus. A Parma, invece, non è andata bene: 12 partite giocate, ma senza guizzi. Riuscirà a farsi valere e a riportare gli scaligeri in Serie A? Stipe Perica: l'attaccante croato di proprietà dell'Udinese ma in prestito al Frosinone ha lasciato i gialloblu dopo sei mesi e si è trasferito al Kasimpasa, in Turchia. Ad agosto sembrava potesse essere uno di quei colpi low cost buoni per puntellare l'attacco, invece non è arrivato nemmeno lo straccio di un gol. Una delusione, dato che sino a qualche anno fa sembrava pronto per sbocciare nel nostro campionato. Mehdi Benatia: alla fine ha vinto la sua volontà di lasciare la Juventus, e così il difensore marocchino è andato in Qatar all'Al Duhail. Una perdita importante anche al fantacalcio, considerando che Benatia forniva sempre buone prestazioni e non disdegnava il gol di tanto in tanto. Joel Campbell: sembrava il colpaccio del Frosinone ad agosto. Il costaricense con un passato all'Arsenal era il nome esotico giusto per il fantacalcio, ma le aspettative sono state disattese da un girone d'andata tutt'altro che positivo: in 17 partite ha fornito 3 assist senza segnare neanche una rete, con una fantamedia di 5,53. Ha lasciato l'Italia e si è accasato al Leon, in Messico. Marco Rog: prestito secco in Spagna, precisamente al Siviglia, per il centrocampista croato di proprietà del Napoli. Il sovraffollamento del reparto partenopeo ha fatto sì che Rog andasse a fare esperienza altrove. In questa prima parte di stagione, 9 partite giocate di cui 4 da titolare, ed una rete messa a segno. Darvin Machis: era arrivato in estate con grandi credenziali all'Udinese, ma la sua avventura friulana è durata solo il tempo di un semestre. Il venezuelano saluta la Serie A ed approda in prestito nella Segunda spagnola, al Cadice. Il suo (magro) score parla di 13 partite, 1 assist, 2 ammonizioni ed una fantamedia di 5,63.